Crea sito

Midollo spinale

Il midollo spinale ha una forma approssimativamente cilindrica ed è contenuto nel canale vertebrale, delimitato dalle vertebre. Ha una lunghezza complessiva di circa 45 cm e si estende normalmente fino alla seconda vertebra lombare. Anche il midollo spinale, come l'encefalo, è protetto dalle 3 meningi (dura madre, aracnoide, pia madre). 

Il midollo spinale è costituito da materia grigia circondata da materia bianca (situazione opposta rispetto agli emisferi cerebrali). La sostanza bianca è costituita da fibre nervose che mettono in comunicazione i vari distretti del corpo (attraverso i nervi) con l'encefalo. Nella materia grigia sono presenti i corpi cellulari dei neuroni spinali e, in una sezione di midollo, si distinguono due "corna anteriori" o ventrali e due "corna posteriori" o dorsali.

La materia bianca è suddivisa in 4 cordoni: uno anteriore (compreso tra corna anteriori), un posteriore (tra le corna posteriori) e due laterali. Il cordone anteriore (ventrale) è costituito da fibre motorie (via discendente), il posteriore (dorsale) da fibre sensoriali (via ascendente), i due laterali contengono sia fibre ascendenti (sensoriali) che fibre discendenti (motorie).

Midollo spinale

sezioni di midollo spinale a diversi livelli

Sezione di midollo spinale
Sezione di midollo spinale reale
Radici dei nervi spinali

Dal midollo spinale fuoriescono 31 paia di nervi spinali. Ogni nervo spinale presenta due radici: la radice dorsale, che fuoriesce dalle corna posteriori che contiene fibre sensoriali, e la radice ventrale, che fuoriesce dalle corna anteriori e che contiene invece fibre motorie. Ogni nervo spinale ha pertanto una componente ascendente (sensoriale) e una discendente (motoria).

Nel midollo spinale ha sede l'arco riflesso, che rappresenta la risposta più immediata di un organismo ad uno stimolo. 

I riflessi rappresentano il meccanismo più semplice con cui il sistema nervoso può dare una risposta pronta e adeguata a determinati stimoli: quando un muscolo si allunga (ad es. a seguito di una stimolazione sul tendine) questo tende a contrarsi per via riflessa.

L'arco riflesso monosinaptico coinvolge solo due neuroni. L'esempio classico è quello del riflesso patellare: in seguito ad una leggera percussione del tendine rotuleo (poco sotto il limite inferiore della rotula), si genera un impulso che causa l'estensione della gamba. Si tratta di un arco riflesso semplice, che avviene indipendentemente dalla nostra volontà. In questo fenomeno sono coinvolti solo due neuroni: il sensore presente nel muscolo riceve un impulso che invia, attraverso una fibra nervosa sensitiva, al midollo spinale. Qui l'impulso viene ricevuto da un secondo neurone, di natura motoria, che invia un impulso lungo una fibra motoria al muscolo che risponde quindi allo stimolo.

L'arco riflesso può essere complesso quando tra i due neuroni si inseriscono altri neuroni per "allungare" la catena trasmissiva e rendere più complesso il riflesso. La maggior parte dei riflessi sono complessi e rispondono anche a centri di elaborazione situati nell'encefalo.

Vie ascendenti e discendenti del midollo spinale
arco riflesso monosinaptico
Tipi di arco riflesso
Riflesso patellare